La comunicazione è la parte più importante della vita umana ed imparare a farlo nei migliori modi possibile può aprire diverse strade: gestire un colloquio lavorativo o saper sostenere un esame senza ansia è sicuramente un compito evolutivo del giovane che prima si sperimenta con il mondo dell'adulto, e meglio saprà in seguito gestirlo.
Di seguito sono riportati i principali argomenti atti al raggiungimento di questo obiettivo. Il corso prevede 14 ore di teoria con tecniche di aula e 28 ore in modalità esperienziale, con role playing, simulazioni, test di autovalutazione e pratica sugli esercizi.

Il corso ha l'obiettivo di offrire ai partecipanti gli strumenti concreti di comunicazione per migliorare la propria efficacia comunicativa, relazionale e di leadership sia in ambito lavorativo sia in ambito professionale in modo da ridurre gli errori comunicativi spesso fonte di incomprensioni.

 

La comunicazione riveste un ruolo fondamentale per la crescita, lo sviluppo e l'innovazione di ogni organizzazione.
Anche nella Pubblica Amministrazione, gli operatori devono acquisire le abilità necessarie affinchè diventino dei buoni comunicatori pubblici, attraverso l'aggiornamento, la formazione e l'acquisizione di particolare competenze e capacità professionali, anche per ciò che concerne il digitale, le reti e i servizi pubblici on-line.
Il corso si propone di fornire gli elementi e gli strumenti indispensabili affinchè ciò divenga una realtà operativa.

L'obiettivo del corso è quello di illustrare il quadro normativo sia nazionale che comunitario, in materia, con le recenti modifiche intervenute, nonché l'iter che deve essere seguito dalla pubblica amministrazione per pianificare, programmare e realizzare correttamente un'operazione in partenariato pubblico privato.
Durante il corso verranno illustrati esempi di progetti di PPP ed esperienze positive realizzate in altre amministrazioni pubbliche ed esempi pratici di sviluppo di progetto attraverso attività di project work.

La problematica del ritardo dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni ha impegnato il nostro Legislatore che è intervenuto in materia con diverse disposizioni normative, anche in attuazione di alcune Direttive UE.
Il Decreto Legge n. 35/2013, coordinato con la Legge di conversione 6 giugno 2013, n. 64, recante "Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della Pubblica Amministrazione, per il riequilibrio finanziario degli enti territoriali, nonché in materia di versamento di tributi degli enti locali", ha significato finalmente la previsione dello sblocco dei pagamenti dei debiti delle P.A. verso le imprese, le cooperative e i professionisti.
Il corso esamina le fondamentali misure previste dal Decreto, tra cui l'istituzione nel bilancio dello Stato di un unico fondo per assicurare la liquidità per i pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili, la certificazione e la ricognizione dei debiti, la compensazione e gli altri utilizzi delle certificazioni e i criteri di ripartizione dei tagli della spending review nei confronti delle Province.
Saranno inoltre esaminate le successive modifiche al decreto.

Il sistema dei controlli interni nella Pubblica Amministrazione è stato modificato in primis dal D.Lgs. 27 ottobre 2009, n. 150 e, in particolare, dall'articolo 3 del D.L. 10 ottobre 2012, n. 174 che ha previsto il controllo sugli equilibri finanziari dell'ente, la verifica dell'efficacia degli organismi esterni all'ente e il controllo della qualità dei servizi erogati. Costituisce elemento di innovazione l'introduzione del controllo sulle società partecipate dagli enti locali.

Il legislatore ha previsto numerose disposizioni normative che innovano e "rivoluzionano" il modus operandi degli operatori del sistema, al fine di favorire, incentivare e prevedere l'utilizzo delle modalità informatiche nell'ambito della Pubblica Amministra- zione, in maniera sempre più ampia.
Il corso si propone di descrivere le novità apportate dalla legge, di analizzare le procedure da seguire nella formazione, sottoscrizione, conservazione e registrazione di un atto pubblico informatico.
Il corso esamina altresì l'atto pubblico notarile informatico, avendo la legge previsto la possibilità, per il notaio, di predisporre atti pubblici o autenticare scritture private in formato elettronico.

Gli strumenti di finanziamento previsti attualmente per la crescita e lo sviluppo delle imprese e messi a disposizione dall'Unione Europea sono molteplici.
I processi di finanziamento presentano però difficoltà operative di gestione di tutte le fasi dei progetti. Occorre, pertanto, formare professionisti esperti del settore che possano avere le necessarie competenze e conoscenze per seguire tutte le varie fasi dei Fondi europei: reperire le giuste informazioni, conoscere i reali meccanismi del sistema e, soprattutto, sviluppare le tecniche di redazione e rendicontazione dei progetti.
Il corso, inoltre, prevede che i partecipanti possano esercitarsi sulla stesura dei progetti mediante simulazioni in aula.

La fase di esecuzione dei contratti della Pubblica Amministrazione è da sempre una delle attività più contrastate e più discusse e fonte di numerose problematiche sia da parte delle stazioni appaltanti che degli appaltatori.
Il corso si propone di analizzare le più frequenti problematiche che insorgono nell'attività di esecuzione dei contratti pubblici, al fine di prevenire il verificarsi di situazioni critiche o di risolvere eventuali conflitti insorti.

Il corso si pone l'obiettivo di analizzare la nuova disciplina che trasforma il "volto" della P.A. mediante l'introduzione di un processo di informatizzazione dei dati e degli elementi e che crea di frequente, nella realtà operativa, numerose difficoltà interpretative e incertezze sulla concreta applicazione.
Saranno esaminati i nuovi sistemi operativi, il ruolo dei certificatori accreditati e le relative competenze e responsabilità, fornendo soluzioni operative al fine di evitare l'insorgere di problematiche e comportamenti non corretti che possono essere fonte di sanzioni e responsabilità.

Pagine