Il sistema dei controlli interni, che riveste un ruolo essenziale nel contesto della riforma delle Autonomie locali, è stato oggetto, negli ultimi anni, di profonde modificazioni.

In ultimo, il D.L. 10 ottobre 2012, n.174, così come convertito nella Legge 7 dicembre 2012,n.213, ha imposto agli Enti locali di organizzare un sistema di controlli rafforzato rispetto al passato e strutturato su nuovi criteri e modalità, in cui risultano ridefiniti gli organi esercenti attività di controllo.

La giornata di studio si propone di fornire un quadro sistematico del nuovo scenario, illustrando, in particolare, il rapporto tra organi di indirizzo politico e di controllo e apparato gestionale, con particolare riferimento al ruolo, alle competenze e alle responsabilità dei revisori contabili alla luce, altresì, delle nuove forme di responsabilità sanzionatoria introdotte dal legislatore e di natura pretoria.

L’impiego di fondi comunitari è attualmente la strada principale percorsa da Enti Pubblici e privati, così come da liberi professionisti, Associazioni ed Istituti per il finanziamento di progetti finalizzati alla crescita e allo sviluppo degli stessi. Alla luce degli onerosi costi richiesti nell’avvio di progetti e dell’impossibilità per gli Enti di finanziare autonomamente opere  di interesse per la collettività, i fondi comunitari rappresentano un’opportunità indiscussa.
In virtù dell’applicazione del principio della sana gestione finanziaria, tutti i progetti finanziati dai fondi comunitari sono sottoposti ad un diversificato e rigoroso sistema di gestione e controllo delle spese al fine di garantire il corretto utilizzo delle risorse.
Data la rilevanza che questi fondi assumono risulta indispensabile conoscere nel dettaglio sia le normative che disciplinano la rendicontazione sia  il sistema e le procedure di controllo sugli Enti beneficiari,  per evitare il rischio di incorrere in errori e omissioni che potrebbero comportare la revoca del finanziamento stesso.
Il corso sulla “Rendicontazione dei progetti finanziati” si propone come strumento di informazione e formazione a 360° finalizzato al corretto rispetto delle normative in materia di rendicontazione e a prevenire la perdita di finanziamenti per mancata e/o insufficiente conoscenza delle procedure richieste nonché per inadempienze in materia comunitaria da parte dell’Ente richiedente o beneficiario.

Il presente corso di formazione verte sul confronto teorico pratico volto al consolidamento della propria consapevolezza contabile in ambito economico patrimoniale.
In particolare la presente attività formativa è rivolta ai funzionari ed applicati che materialmente dovranno affrontare dal primo gennaio 2016 tale problematica con la presentazione in primis di cosa si intenda per contabilità economico patrimoniale, “ Partita doppia” e “ Partita semplice”, esemplificazioni di scritture base e complesse da svolgere sotto forma di brainstorming, l’analisi dei principi contabili propri della nuova contabilità, l’analisi approfondita del piano dei conti integrato con particolare attenzione all’aggettivo integrato e dei nuovi schemi di bilancio.
Particolare attenzione sarà data alla definizione del risultato economico e patrimoniale e della sua nuova rappresentazione con un particolare focus di confronto con quanto sin ora si è detto.In conclusione, nell’ottica del bilancio consolidato, si ripercorreranno tutte le tappe per definire tale documento partendo dagli obiettivi, passando alla definizione del gruppo pubblico e concludendo con l’analisi degli schemi che compongono tale importante strumento di reporting.

L’ampia diffusione delle tecnologie dell’informazione e comunicazione sta generando nuovi modelli amministrativi, ai quali l’ente deve adeguarsi con consapevolezza rivedendo processi e procedure.
Le nuove regole tecniche in materia di formazione dei documenti informatici (DPCM 13 novembre 2014) nonché quelle relative alle nuove disposizioni sul protocollo informatico e la conservazione digitale (DPCM 3 dicembre 2013), contribuiscono significativamente a completare il quadro regolamentare previsto dall’art. 71 del CAD e confermano con decisione la strada verso una Pubblica Amministrazione digitalizzata e trasparente già indicata dalla L. 241/90.
Il corso intende descrivere l’intero ciclo di vita dei documenti amministrativi informatici, nel rispetto delle Linee guida pubblicate da AGID (Agenzia per l’Italia digitale) chiarendo i rischi, responsabilità e le opportunità dell’ente nella migrazione al digitale.

Pagine