BARI, 23 Ottobre 2017 - Riforma delle autonomie, sistema di controlli, competenze della Corte dei conti e nuove forme di responsabilità amministrativa

Il sistema dei controlli interni, che riveste un ruolo essenziale nel contesto della riforma delle Autonomie locali, è stato oggetto, negli ultimi anni, di profonde modificazioni.

In ultimo, il D.L. 10 ottobre 2012, n.174, così come convertito nella Legge 7 dicembre 2012,n.213, ha imposto agli Enti locali di organizzare un sistema di controlli rafforzato rispetto al passato e strutturato su nuovi criteri e modalità, in cui risultano ridefiniti gli organi esercenti attività di controllo.

La giornata di studio si propone di fornire un quadro sistematico del nuovo scenario, illustrando, in particolare, il rapporto tra organi di indirizzo politico e di controllo e apparato gestionale, con particolare riferimento al ruolo, alle competenze e alle responsabilità dei revisori contabili alla luce, altresì, delle nuove forme di responsabilità sanzionatoria introdotte dal legislatore e di natura pretoria.

 

Decreto legge 10 ottobre 2012, n 174 convertito in legge 213/2012 come modificata dai decreti 90 e 91/2014: riforma delle autonomie, sistema di controlli, competenze della Corte dei conti e  nuove forme di responsabilità amministrativa con particolare riferimento ai revisori contabili

Stefano Glinianski

Magistrato della Corte dei conti

Segretario generale Autorità amministrativa indipendente sugli scioperi nei servizi pubblici essenziali

 

  • Il rafforzamento dei controlli  in materia di enti locali.
  • Il nuovo ruolo della magistratura contabile.
  • Profili generali della responsabilità amministrativa: rapporto di servizio – dolo e colpa grave – nesso di causalità – danno.
  • Le funzioni dell’organo di revisione: collaborazione, vigilanza e verificazione.
  • La responsabilità amministrativa dei revisori contabili.
  • La responsabilità sanzionatoria del collegio di revisione.
  • Espressione di pareri e giudizi e loro incidenza ai fini del giudizio di responsabilità contabile.
  • Il principio di distinzione tra attività di indirizzo politico e di controllo e attività gestionale.
  • Il rapporto tra organi di indirizzo politico e di controllo e apparato   gestionale: l’ esimente politica e la funzione del parere  nell’atto deliberativo ai fini dell’individuazione del responsabile per danno erariale.
  • Pareri di regolarità tecnica e contabile dei responsabili dei servizi, funzione collaborativa dei revisori contabili e affidamento dell’organo politico  Gli orientamenti della magistratura contabile.
  • Le nuove forme di responsabilità sanzionatoria con particolare riferimento alla violazione del rispetto patto di stabilità interno
  • Il controllo di regolarità amministrativa contabile preventivo e successivo: modalità organizzative e ambito oggettivo.
  • Il controllo strategico e i controlli sulle società partecipate dall’ente
  • Il controllo sugli equilibri finanziari. Il coinvolgimento della struttura dell’ente.
  • Il controllo della Corte dei conti. Il referto  sulla regolarità della gestione e la nuova responsabilità sanzionatoria per assenza o inadeguatezza delle misure adottate dall’ ente. Verso una nuova sinergia tra sezioni di controllo e sezioni giurisdizionali della Corte dei conti.

Relatore: Stefano GlinianskiMagistrato della Corte dei conti

Data

23 Ottobre 2017

Durata

dalle ore 9.00 alle ore 17.00

Sede

Bari- The Nicolaus Hotel

Docente

Dott. Stefano Glinianski - Magistrato della Corte dei conti

Quota di Partecipazione

Euro 315.00 + IVA se dovuta ( In caso di Ente pubblico esente ex Art. 10 D.P.R. 633/72 come modificato dall'art. 14 L. 537/93

 

La quota comprende Partecipazione al corso, materiale didattico, coffee break, colazione di lavoro e attestato di partecipazione
Scontistica

OFFERTA 4X3:
Per partecipanti allo stesso corso provenienti da uno stesso Ente/ Azienda vi è la possibilità di una iscrizione gratuita ogni tre iscrizioni paganti

N.B: Le iscrizioni devono essere effettuate entro 10 giorni dalla data dell'attività formativa.

I Corsi a catalogo non sono figurabili come appalti di servizi.
Pertanto per il loro acquisto non è necessario transitare dalle Centrali di Committenza
( nazionale o regionale), nè è prevista la richiesta del CIG. Si veda anche paragrafo 3.9 della Determinazione dell'AVCP n. 4 del 7 luglio 2011.

Restiamo in attesa delle vostre iscrizioni che vi preghiamo di farci pervenire entro 8 giorni dalla data di avvio del corso.

Per ulteriori informazioni non esitate a contattarci : 0805025250 – info@isformconsulting.it e www. isformconsulting.it

Per compilare il modulo di iscrizione

Per avere maggiori informazioni sulle nostre attività formative e sottoscrivere un abbonamento a prezzi molto vantaggiose