BARI, 10 Aprile 2018, Dott. Francesco Delfino - Bilancio e contabilità nella P.A.: gli strumenti dell’armonizzazione contabile- Corso Avanzato

L’esigenza di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle amministrazioni pubbliche ha dato ad un lungo processo di riforma della contabilità pubblica volto a rendere i bilanci delle Pubbliche Amministrazioni omogenei, confrontabili e aggregabili, con la finalità di:

  • consentire il controllo puntuale dei conti pubblici nazionali;
  • verificare la rispondenza dei conti pubblici nazionali alle condizioni previste dell’articolo 104 del Trattato istitutivo UE;
  • favorire l’attuazione del federalismo fiscale.

Le Leggi n. 42/2009 e 196/2009, il Decreto legislativo 23 giugno 2011 n. 118 e le successive modifiche hanno imposto agli enti pubblici l’obbligo di:

  • riprogettare le modalità di rilevazione in contabilità finanziaria;
  • adottare un sistema integrato di contabilità economico-patrimoniale;
  • elaborare il bilancio consolidato.

La nuova disciplina ha introdotto concetti nuovi come la competenza finanziaria, i residui, l’avanzo di amministrazione, nonché poste di bilancio come il fondo pluriennale vincolato.

Il processo di riforma interessa non solo gli uffici finanziari degli enti pubblici ma anche tutti gli altri settori, perché il progetto di cambiamento non incide solo sugli ordinamenti contabili ma soprattutto nelle modalità di gestione ed organizzazione interne alle strutture della Pubblica Amministrazione.

Il corso avanzato ha lo scopo di dare a tutti i dipendenti degli Enti Locali coinvolti in maniera diretta nella stesura degli atti e della gestione contabile, informazioni operative sul contesto normativo e sui cambiamenti oggetto della riforma con approfondimenti operativi sulle principali operazioni di bilancio e sugli  obblighi di comunicazione agli organi di controllo.

 

PROGRAMMA:

  • Il Quadro di riferimento dell’Armonizzazione del Bilancio degli Enti Locali –  D.lgs. 118/2011 e D.lgs. 267/2000;
  • La Determinazione degli Accantonamenti nel Bilancio Preventivo – Passività Potenziali e altre poste tipiche;
  • La Determinazione del Fondo Crediti di dubbia esigibilità nel Bilancio Preventivo;
  • La Determinazione del Fondo Crediti di dubbia esigibilità nel Rendiconto della Gestione;
  • La Gestione degli impegni di Spesa, Debiti Fuori Bilancio – Riconoscimento ai sensi dell’Art. 194 del TUEL – Giurisprudenza – Casi Pratici con verifica impatti sulla gestione ordinaria dell’Ente Locale ;
  • La Contabilità Economico-Finanziaria le poste e la determinazione dell’Attivo e del Passivo;
  • I rapporti con le Società Partecipate - Controllo Analogo – Consolidamento dei Conti;
  • Casi Pratici con analisi di documenti prodotti da alcuni Enti Locali;
  • Approfondimenti e casi pratici - Cronoprogrammi per le spese d'investimento e per le spese correnti finanziate da entrate a specifica destinazione. Dalla prenotazione con la determina a contrarre per passare all'impegno, liquidazione e riaccertamento;
  • Spazio dedicato a domande e approfondimenti.

Relatore: Dott. Francesco Delfino, Esperto in finanza e contabilità degli enti locali, componente dell’Unità di monitoraggio presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri e dell’Osservatorio sulla finanza e contabilità degli enti locali presso il Ministero dell’Interno; consulente esperto presso la Corte dei Conti e presso l’Unione delle Province Italiane (UPI).​

 

Data

10 Aprile 2018

Durata

dalle ore 9.00 alle ore 17.00

Sede

Bari - The Nicolaus Hotel

Docente

Dott. Francesco Delfino

Quota di

Partecipazione

Euro 315.00 + IVA se dovuta ( In caso di Ente pubblico esente ex Art. 10 D.P.R. 633/72 come modificato dall'art. 14 L. 537/93)

La quota comprende

Partecipazione al corso, materiale didattico, coffee break,  colazione di lavoro e attestato di partecipazione.

Scontistica

OFFERTA:  4X3:
Per partecipanti allo stesso corso provenienti da uno stesso Ente/ Azienda vi è la possibilità di una iscrizione gratuita ogni tre iscrizioni paganti

N.B: Le iscrizioni devono essere effettuate entro 10 giorni dall'inizio del corso.

I Corsi a catalogo non sono figurabili come appalti di servizi.
Pertanto per il loro acquisto non è necessario transitare dalle Centrali di Committenza ( nazionale o regionale), né è prevista la richiesta del CIG.

Si veda anche paragrafo 3.9 della Determinazione dell'AVCP n. 4 del 7 luglio 2011.

 

Per compilare il modulo di iscrizione

Per avere informazioni sui costi e sulle modalità di svolgimento dei Corso

Per scoprire le nostre attività formative e sottoscrivere un abbonamento a condizioni molto vantaggiose, CLICCA QUI

Restiamo in attesa delle vostre iscrizioni che vi preghiamo di farci pervenire entro 10 giorni dall'inizio del corso.

Per ulteriori informazioni non esitate a contattarci : 0805025250 – info@isformconsulting.it e www. isformconsulting.it